Ricorsi per indennizzo eccessiva durata processi: In quali casi

In quali casi

Il diritto ad ottenere la conclusione di una causa in tempi ragionevoli è sancito e sanzionato in Italia dalla Legge n.89/’01 (c.d. Legge Pinto, confermata, sia pure con alcune modifiche, dalla legge n. 134/’12).
Nei seguenti casi è possibile inoltrare ricorso contro il Ministero della Giustizia per ottenere il risarcimento del danno, in misura proporzionale al periodo di tempo eccedente:

  • Procedimenti di I grado con durata maggiore di anni 3
  • Procedimenti di esecuzione mobiliare, immobiliare, o presso terzi con durata maggiore di anni 3
  • Procedimenti con durata complessiva di tutti i gradi di giudizio maggiore di anni 6
  • Fallimenti con durata maggiore di anni 6

I termini indicati valgono:

  • tanto che si sia vinta, si sia persa, o sia stata conciliata la causa
  • per le esecuzioni ed i fallimenti, a favore di ogni parte in causa, compresi gli intervenienti, anche se abbiamo ottenuto il risultato economico atteso dalla procedura la cui lunghezza viene contestata
  • il ricorso va proposto a pena di decadenza entro 6 mesi da quando la decisione che chiude il procedimento è divenuta definitiva

Contatti

Schermata 2016-05-23 alle 15.18.29Tel. +39 011 6408044

Schermata 2016-05-23 alle 15.18.35
Fax +39 011 6206343

Schermata 2016-05-23 alle 15.18.41
info@studiolegalesurace.it

Schermata 2016-05-23 alle 15.18.46
Viale del Castello, 1
10023 Moncalieri (TO) ITALIA

mappa

logo-facebook